Elementaria 2017, quando il display è materia prima, arte e design

Home / Retail Design / Elementaria 2017, quando il display è materia prima, arte e design

Nella terza edizione della mostra sono state presentate soluzioni espositive funzionali al mercato del Bellessere realizzate, grazie a 5 designer e all’artista POP Tomoko Nagao, con materie prime e tecniche di trasformazione innovative e sostenibili. I raw material rappresentano la ratio di quello che oggi gli operatori del retail considerano un vero e proprio vernissage del comparto del design espositivo. In Elementaria, come viene spiegato approfonditamente nel Manifesto istituzionale (leggi il manifesto), le materia prime rappresentano la sorgente che alimenta la filiera afferente la produzione del Display. Una branca del design industriale, quest’ultima, al servizio della comunicazione visiva di impresa, al marketing per il punto di vendita e comunque alla produzione di spazi fisici di interazione che in senso allargato superano anche la dimensione dei consumi. Tematica del Bellessere a parte, erano proprio queste le linee guida che hanno orientato i sei progettisti coinvolti per ideare materiali di comunicazione totemici e corner funzionali alla shopping experience e,in senso più generale, destinati a finalità espositiva.

 

Clicca sull’immagine per il video o prosegui nella lettura per visualizzare la gallery

ape bis elementaria 2017

Clicca sull’immagine per guardare il video

 

Il processo di creazione dei display esposti è durato 5 mesi durante i quali i sei progettisti (Massimo Farinatti, Claudio Gurioli, Gianluigi Landoni, Marco Maggioni, l’artista POP Tomoko Nagao e Cristian Visentin) si sono confrontati con le aziende che hanno fornito le materie prime (Busco con un composito di scarti che riproduce il marmo, Isonova con il Laminil oggi lastra biodegradabile, Pigomma-Sogimi con Hylite in composto in PP e alluminio dalle alte proprietà meccaniche, Madreperla con il colato riciclabile Green Cast, Pressoplast con un tipo di pvc che integra elementi naturali, Sorrentino Pannelli con una lastra in pvc di alta flessibilità per le possibilità di stampa e nobilitazione della texture), anche in alcune di riunioni plenarie in cui i due gruppi anno potuto confrontarsi sui rispettivi presidi di conoscenza progettuale. Tra l’altro con la partecipazione di Tomoko Nagao si è dato vita all’ingegnerizzazione del Display d’arte ad opera del trasformatore Large Format.

Il concetto del Bellessere risponde alle esigenze del mercato della cosmetica e del make up e in generale quei concetti di ergonomia che favoriscono lo sviluppo ll’habitat commerciale umano e l’estetica delle scenografie di vendita. Con l’obbiettivo di agevolare promozione e somministrazione di prodotti e servizi in diversi canali di mercato: a) Retail specializzato tradizionale e GDO: profumerie, farmacie, parafarmacie, saloni di bellezzae coiffeur; b) Hotellerie, spa e centri benessere; impianti sportivi: palestre per il fitness, piscine, club legati a sport specifici. Alla mostra ha partecipato anche Led Italy, l’azienda piemontese che produce LED di alta qualità per progetti dall’altro grado di personalizzazione. Una presenza giustificata dal fatto che l’illuminotecnica oggi rappresenta una delle strade dell’innovazione nel mondo del Display, tanto che non sono pochi i progettisti che considerano “la luce alla stregua di materia prima”. L’Illuminotecnica, nel senso di ricerca e sviluppo dei Display come è noto si affianca appunto ad altri due filoni di innovazione: alla tecnologia digitale utile a dar vita alle discipline del proximity marketing e del digital signage; e, in secondo luogo, alla scienza dei materiali come visto anche qui in Elementaria.

BELL'ESSERE Le texture futuristiche della forma ad ala di pipistrello Bell’essere richiamano quel progresso espresso dal costume di Batman che, nei Film Warner, Bruce Wayne indossa per sorvolare la skyline noir di Gotham City. Il segreto di quest’oggetto, frutto di una meticolosa ricerca di design, è nella forma geometrica di origine frattale e nel disegno che inizia con una misura pari alla sezione aurea. Formidabile per il decor, il multistrato impiegato si è prestato all’uopo.

BELL’ESSERE by Giorgio Gurioli Le texture futuristiche della forma ad ala di pipistrello Bell’essere richiamano quel progresso espresso dal costume di Batman che, nei Film Warner, Bruce Wayne indossa per sorvolare la skyline noir di Gotham City. Il segreto di quest’oggetto, frutto di una meticolosa ricerca di design, è nella forma geometrica di origine frattale e nel disegno che inizia con una misura pari alla sezione aurea. Formidabile per il decor, il multistrato impiegato si è prestato all’uopo.

FLAMINGO by Massimo Farinatti Il sistema di scaffalature Flamingo si potrebbe classificare come la trasposizione del tavolo Cicognino di Albini in versione ‘arredo espositivo’. Qui la modularità prende quattro direzioni (alto, basso e lati) e sarà la caratteristica strutturale più utile all’’ottimizzazione degli spazi. La forma quadrata che si ripete anche nelle sezioni dei gambi conferisce eleganza al sistema e lo rende adatto al mondo fashion. Il marmo di recupero dei ripiani è un materiale ecologico.

FLAMINGO by Massimo Farinatti Il sistema di scaffalature Flamingo si potrebbe classificare come la trasposizione del tavolo Cicognino di Albini in versione ‘arredo espositivo’. Qui la modularità prende quattro direzioni (alto, basso e lati) e sarà la caratteristica strutturale più utile all’’ottimizzazione degli spazi. La forma quadrata che si ripete anche nelle sezioni dei gambi conferisce eleganza al sistema e lo rende adatto al mondo fashion. Il marmo di recupero dei ripiani è un materiale ecologico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EXTRAELEMENTS by Marco Maggioni. Non i 4 elementi più noti (CO2, fuoco, terra, aria), piuttosto 3 forze o facoltà: l’energia, la natura, la percezione. Sono i 3 concetti totemici qui concretizzati e adatti per arricchire l’habitat umano, comunicando atmosfere in cui comunità umane e clan possono immergersi e riunirsi. Extra Element è una soluzione hi-tech, sia per il plus estetico del materiale (HyLite) sia per l’illuminotecnica a led (di Led Italy) che occulta il punto di emissione.

EXTRAELEMENTS by Marco Maggioni. Non i 4 elementi più noti (CO2, fuoco, terra, aria), piuttosto 3 forze o facoltà: l’energia, la natura, la percezione. Sono i 3 concetti totemici qui concretizzati e adatti per arricchire l’habitat umano, comunicando atmosfere in cui comunità umane e clan possono immergersi e riunirsi. Extra Element è una soluzione hi-tech, sia per il plus estetico del materiale (HyLite) sia per l’illuminotecnica a led (di Led Italy) che occulta il punto di emissione.

INSIDE by Cristian Visentin è un'opera che gioca sulle trasparenze del suggestivo materiale di Pressoplast. Seppure questo prototipo, in quanto soluzione espositiva, si strizzi l'occhio al comparto della cosmetica e in particolare della della profumeria, il materiale si presta altresì all'esposizione di innumerevoli categorie merceologiche. La destinazione d'uso dipende dagli elementi decorativi che si decide di "immortalare" all'interno del polimero. In un certo senso qui è riprodotto un processo che in natura si verifica da migliaia se non milioni di anni. Il riferimento è alla fossilizzazione: l'ambra che cattura elementi anche vivi della natura preservandone la struttura nel tempo è l'esempio più calzante.

INSIDE by Cristian Visentin è un’opera che gioca sulle trasparenze del suggestivo materiale di Pressoplast. Seppure questo prototipo, in quanto soluzione espositiva, si strizzi l’occhio al comparto della cosmetica e in particolare della della profumeria, il materiale si presta altresì all’esposizione di innumerevoli categorie merceologiche. La destinazione d’uso dipende dagli elementi decorativi che si decide di “immortalare” all’interno del polimero. In un certo senso qui è riprodotto un processo che in natura si verifica da migliaia se non milioni di anni. Il riferimento è alla fossilizzazione: l’ambra che cattura elementi anche vivi della natura preservandone la struttura nel tempo è l’esempio più calzante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LUXURYANDMORE by Gianluigi Landoni, In questo caso il tema della mostra è interpretato in chiave cosmetica. Una serie di ripiani in metacrilato riciclato, circolari ed “endoilluminati“, sono il fulcro dell’esecuzione progettuale. Tali forme, per via dell’ondulazione in superficie, evocano un senso di morbidezza, tanto da ricordare i blender stendi-cipria comunemente utilizzati che, insieme ai gambi metallici, danno vita alla rivisitazione di una specchiera espositiva, per il test di referenze cosmetiche.

LUXURYANDMORE by Gianluigi Landoni, In questo caso il tema della mostra è interpretato in chiave cosmetica. Una serie di ripiani in metacrilato riciclato, circolari ed “endoilluminati“, sono il fulcro dell’esecuzione progettuale. Tali forme, per via dell’ondulazione in superficie, evocano un senso di morbidezza, tanto da ricordare i blender stendi-cipria comunemente utilizzati che, insieme ai gambi metallici, danno vita alla rivisitazione di una specchiera espositiva, per il test di referenze cosmetiche.

SALOMÈ by Tomoko Nagao La Salomè di Tomoko Nagao diventa un Art Display per la cosmetica. Si tratta del primo caso di ingegnerizzazione di un Display espositivo che si svolge partendo da un’opera d’arte.

SALOMÈ by Tomoko Nagao La Salomè di Tomoko Nagao diventa un Art Display per la cosmetica. Si tratta del primo caso di ingegnerizzazione di un Display espositivo che si svolge partendo da un’opera d’arte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LED ITALY ha fornito le striscie di led pieghevoli ad alta intensità utilizzate in Elementaria. L'azienda piemontese è in grado di fornire soluzioni personalizzate di illuminotecnica di alta qualità per ogni tipo di display. Ogni striscia infatti può prenderela forma desiderata dal designer garantendo inoltre un elevato grado di luminosità mantenendo sotto controllo le necessità di risparmio energetico

LED ITALY ha fornito le striscie di led pieghevoli ad alta intensità utilizzate in Elementaria. L’azienda piemontese è in grado di fornire soluzioni personalizzate di illuminotecnica di alta qualità per ogni tipo di display. Ogni striscia infatti può prenderela forma desiderata dal designer garantendo inoltre un elevato grado di luminosità mantenendo sotto controllo le necessità di risparmio energetico

In molti tra il pubblico si sono ispirati al display design espresso nella mostra

In molti tra il pubblico si sono ispirati al display design espresso nella mostra

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Recommended Posts

Leave a Comment